Logo del sito

iten

[Uno degli argomenti meno cervellotici addotti dalle persone contrarie all'impiego dei vaccini anti Covid-19, sembra quasi preso dalla filastrocca della Vispa Teresa: "non vaccinandomi, che male ti fo?" Ma non è affatto così.]

[Le statistiche ufficiali delle ultime settimane indicano che nei reparti di degenza Covid-19 almeno la metà dei posti sono occupati da degenti non vaccinati, mentre ben 70 postazioni di terapia intensiva sono ocupate da persone che se si fossero vaccinate, quasi sicuramente se ne starebbero a casa loro, o perfettamente sani, o infetti, ma con sintomi lievi o del tutto assenti, senza sottrarre letti e respiratori a chi ne ha bisogno per poter sopravvivere. Ma, a parte la sanguinosa battaglia di prima linea, questi ricoveri evitabili si ripercuotono su tutta la macchina sanitaria, pubblica e privata, come è chiaramente dimostrato dalle cifre esposte in questo articolo. fine N.d.R.]   ]
 Sono 13 milioni le visite specialistiche sospese a causa del Covid-19, 300 mila i ricoveri non effettuati, 500 mila gli interventi chirurgici rimandati e 4 milioni gli screening oncologici posticipati. Nessuna regione è risparmiata.

La denuncia: "I malati rari non hanno tempo di aspettare".
ROMA. Le prestazioni sanitarie tornano ad essere a rischio e a farne le spese saranno soprattutto i più fragili. Da lunedì 10 gennaio è scattato lo stop ai ricoveri programmati e alle attività di specialistica ambulatoriale non urgenti nelle strutture sanitarie pubbliche della Regione Campania. In Piemonte le visite non urgenti erano già state sospese a dicembre. Campania e Piemonte sono solo le regioni che hanno ufficializzato l'emergenza: la verità è che all'Osservatorio malattie rare giungono continuamente segnalazioni provenienti da tutto il territorio nazionale.
"Le denunce dei ritardi a danno dei pazienti sono tante, troppe, - denuncia Ilaria Ciancaleoni Bartoli, direttrice dell'Osservatorio malattie rare"Omar", - e sembra che nessuna regione italiana sia risparmiata. Il Governo ha stanziato 500 milioni ad agosto e altri 500 milioni sono approvati dalla legge di bilancio, ma i malati rari e cronici non hanno tempo di aspettare, rischiano che la propria situazione si aggravi irreversibilmente, rischiano di morire nell'attesa. È tempo che le risorse siano riallocate in maniera definitiva, creando percorsi dedicati in tutti i presidi. L'emergenza ormai dura da troppo tempo, non è più una questione differibile". Sono 13 milioni le visite specialistiche sospese a causa del Covid-19, 300mila i ricoveri non effettuati, 500mila gli interventi chirurgici rimandati e ben 4 milioni gli screening oncologici posticipati. Una situazione di ritardo endemico ormai non più accettabile.
"Le segnalazioni che arrivano alla nostra associazione- spiega Massimo Chiaromonte, presidente dell'Associazione nazionale Porpora Trombotica (Anptt)- testimoniano che i pazienti stanno riscontrando difficoltà di accesso alle visite di follow-up, a macchia di leopardo, su tutto il territorio nazionale. Parliamo di ritardi delle visite programmate, ma anche dell'impossibilità di accedere a prestazioni in convenzione, di liste d'attesa infinite, di disagi di varia natura che si susseguono dalla Lombardia alla Sicilia".
"Stiamo riscontrando fortissime difficoltà da parte delle circamille  famiglie con disabilità gravissima che rappresentiamo - afferma Fortunato Nicoletti, vicepresidente dell'Associazione Nessuno è escluso, attiva prevalentemente (ma non solo) sul territorio lombardo, - per i nostri bambini anche un controllo sta diventando impossibile. La disabilità gravissima necessita di risorse straordinarie anche per la gestione dei controlli di routine. Considerate che per fare una tac a una persona con disabilità gravissima è necessario il ricovero in terapia sub-intensiva per almeno una notte, ma i reparti sono stati riconvertiti per la gestione dei pazienti Covid. Di conseguenza i controlli per i nostri bambini e ragazzi sono rimandati a data da destinarsi. Ma le nostre indifferibilità sono diverse da quelle generali, i nostri ragazzi non hanno tempo, non possiamo aspettare".
"Anche dalla Sardegna arrivano notizie pessime, - riporta Giorgia Tartaglia, vicepresidente Vips Onlus e Direttivo Coordinamento Lazio malattie rare, - parliamo di liste d'attesa lunghissime anche per pazienti oncologici, di attese di quattro o cinque mesi per una visita specialistica dopo la diagnosi. Quando sappiamo bene che nella lotta al cancro il tempismo è tutto. Parliamo però anche della carenza ormai endemica di specialisti, ma anche di medici di medicina generale e pediatri di base, ci sono intere comunità prive di continuità assistenziale. Si tratta di una tragica generale carenza di presa in carico che sta aggravando le condizioni di salute dei pazienti sardi.
Le segnalazioni che abbiamo ricevuto sono davvero numerose, tra i molti disservizi abbiamo appreso che lo sportello malattie rare di Sassari di fatto non riesce a garantire attività continuativa. Anche in questo caso non per mancanza di buona volontà ma perché i pochi medici che ci sono devono compensare la carenza generale". Una denuncia importante arriva anche dai malati reumatologici piemontesi, relativa proprio alle recenti disposizioni della Regione in tema di emergenza Covid-19 relative alla riprogrammazione delle attività ospedaliere e di specialistica ambulatoriale. "Così si escludono di fatto tutte le attività di assistenza ai malati reumatologici creando disuguaglianza nella assistenza a malati cronici e con disabilità spesso gravissime, - si legge nella lettera firmata dal CReI, Collegio reumatologi Italiani, e dalla Sir-Società italiana di reumatologia e da una lunga serie di specialisti e associazioni dedicate a patologie reumatologiche immunologiche e rare coordinate da Silvia Tonolo e Maddalena Pelagalli-

estratto da SuperAbile INAIL del 14/01/2022

Trasmissioni RAI con audiodescrizione

Programmi audiodescritti dal 26 settembre al’1 ottobre

Foto di un televisore acceso
Foto di un televisore acceso

Questo l'elenco    delle trasmissioni con il servizio di audio descrizione in onda sulle reti RAI dal 26 settembre al 1 ottobre

26/09/2022

  • RAIUNO - ore 16.05 –
    IL PARADISO DELLE SIGNORE (1° Visione)
  • RAIDUE - ore 19.35 –
    BLUE BLOODS
  • RAITRE - ore 20.50 –
    UN POSTO AL SOLE
  • RAIPREMIUM - ore 06.10 -
    TUTTO PUÒ SUCCEDERE 3 puntata 3
  • RAIPREMIUM - ore 08.00 -
    UN POSTO AL SOLE 25 puntata 164
  • RAIPREMIUM - ore 13.55 -
    L’ALLIEVA puntata 9,10
  • RAICINQUE - ore 21.15 -
    IL TUTTOFARE

Leggi tutto …

Numeri telefonici utili al tempo del coronavirus

TAMPONI IN FARMACIA A ROMA E NEL LAZIO. - L'ELENCO COMPLETO E GLI INDIRIZZI.

lo scorso 10 novembre 2020 è stato siglato l'accordo tra Regione Lazio e le associazioni di categoria dei farmacisti su dove è possibile effettuare test rapidi antigienici e test seriologici.
I test avranno un prezzo massimo di 20 euro per i seriologici e 22 euro per l'antigenico. Sono infatti oltre 100 le prime farmacie che hanno iniziato ad eseguire i test eseguendone ad oggi circa 3mila.

Leggi tutto …

Associazioni romane che consegnano spesa e farmaci a domicilio.

Ci auguriamo che non siano necessarie, ma il timore che Roma sia destinata a conoscere un'altra fase di confinamento esiste e allora è meglio essere preparati.

Leggi tutto …

Servizi e numeri utili ai tempi del coronavirus aggiornati al 17 maggio.

  • Numero di pubblica utilità  - Covid-19:
    1500
  • PROTEZIONE CIVILE VOLONTARIATO
    800 85 48 54
  • CROCE ROSSA ITALIANA
    800 06 55 10
  • SALA OPERATIVA SOCIALE
    800 44 00 22
  • supporto psicologico:
    800.833.833
  • EMERGENZA INFANZIA:  
    114

Servizio rivolto a tutti coloro che vogliono segnalare una situazione di pericolo e di emergenza in cui sono coinvolti bambini e adolescenti.

Leggi tutto …

Aiutarci a Milano:

un servizio di supporto per la distribuzione di spesa, pasti e alimenti per animali tramite un call center e una rete di volontari sul territorio.

02 23 05 82 79


Niguarda Rinasce:

fornisce supporto psicologico e informazioni mediche a tutti i cittadini anziani, soli, ammalati e disabili in zona Niguarda a Milano.

02. 80 89 86 45

Numeri operativi su tutto il territorio di Roma

CROCE ROSSA ITALIANA (per spesa o farmaci) 800 06 55 10
SALA OPERATIVA SOCIALE 800 44 00 22
CARITAS ROMA OPERATIVO TUTTO IL GIORNO 339 349 23 75
ACLI ROMA (SPESA E MEDICINALI PER OVER 70) 344 240 23 33
SUPPORTO PSICOLOGICO 342 07 20 415

Leggi tutto …

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.