Attualità

Priorità ai disabili di cui all'Art. 3 comma 3 della legge 104/92.

Dal 3 dicembre scorso, Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, la FISH ha continuato ininterrottamente a sollecitare le Istituzioni del nostro Paese ed in particolare il Dicastero della Salute, il Governo intero coinvolgendo finanche il Presidente Mattarella, per un confronto che potesse riguardare le future scelte politiche e le misure da adottare nell'erogazione dei vaccini, stante la ricaduta significativa sulle persone con disabilità e sulle loro famiglie.


Oggi abbiamo finalmente ottenuto ascolto!
Dopo mesi in cui purtroppo la frammentazione di informazione e la mancanza di un accesso prioritario ai percorsi di vaccinazione ha gettato in confusione ed agitazione milioni di persone con disabilità e le loro famiglie, i loro assistenti personali e le persone che lavorano nei servizi relativi alla disabilità, pubblichiamo qui, a beneficio di tutti, le ultime Raccomandazioni ad interim sui gruppi target della vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19 https://www.fishonlus.it/files/2021/03/Raccomandazioni-Ministero-Salute.pdf
emanate oggi dal Ministero della Salute.
In esse trova finalmente riscontro la richiesta avanzata dalla FISH di garantire la priorità nell'accesso ai vaccini a tutte le persone con disabilità riconosciute con gravità ai sensi dell'art. 3 comma 3 della Legge 104/92, quali soggetti estremamente vulnerabili.
Con queste raccomandazioni auspichiamo pertanto, che ogni Regione possa dare termine all'incresciosa differenziazione, attuata in alcuni territori, sulla sola base delle patologie o dei codici di esenzione e che a partire da oggi il vaccino possa davvero garantire equità e tutela della salute delle persone con disabilità, dei loro caregiver ed assistenti, senza più fare distinzioni.
"La garanzia del pieno accesso alle cure in condizione di sicurezza ed agibilità rispetto ai vaccini che dovranno essere assicurati per tutte le persone con disabilità riconosciute ai sensi della L. 104/92 articolo 3, comma 3 e alle persone con quadri clinici di particolare rischio, e non solo per coloro in stato di ricovero o con particolari codici di esenzione, nel rispetto della loro libertà di scelta individuale" - dichiara Vincenzo Falabella, Presidente Nazionale della FISH - "per il nostro Paese è una garanzia di democrazia e costituisce finalmente una risposta concreta alle aspettative delle persone con disabilità e delle loro famiglie".
L'impatto della pandemia ci sta obbligando a ripensare molte cose nella nostra vita e a rimodulare alcune priorità in una direzione che preveda innanzitutto la garanzia di una maggiore tutela della salute e della sicurezza dei cittadini tutti, ma ancor di più di coloro che sono più vulnerabili ed esposti ai rischi connessi alla condizione di salute e tra questi vi sono le tante persone con disabilitaÌ e le loro famiglie. Questo è un primo passo in tale direzione. Il cammino è ancora lungo, ma la Federazione continuerà a perseguire ed agire per i diritti di tutte le persone con disabilità.

11 marzo 2021 Ufficio Stampa FISH Nazionale