Logo del sito

Vincenzo Falabella, 53 anni, avvocato (in sedia a rotelle dal 2001), è il presidente della Federazione per il superamento dell'handicap (Fish): "Il servizio pubblico non è rispettoso dei diritti umani, non consente una cittadinanza inclusiva: mi sento come agli arresti domiciliari".

ROMA. Tra marciapiedi dissestati e fermate della metro non accessibili, la città diventa una giungla per i disabili, gli anziani e le mamme con bimbi piccoli. "Vorrei poter andare al lavoro con i mezzi pubblici, fare un giro ai Fori Imperiali, godermi un po' di Grande Bellezza... anche da solo...".

Cosa vorrebbe Vincenzo Falabella, classe 1971, avvocato, pugliese di nascita e romano d'adozione, non sembra una pretesa impossibile. Una piccola "lista dei desideri" apparentemente banale. Per molti ma non per tutti. Dal 2001 Vincenzo è costretto a vivere su una sedia a rotelle per una lesione midollare che gli ha stravolto la vita, e di fronte alla quale la sua città adottiva, Roma, la Capitale d'Italia, non ha risposto affatto come avrebbe dovuto: "Muoversi in una città come questa è davvero complicato - racconta Vincenzo -. Gli autobus non sono completamente accessibili, le banchine delle metro non sono fruibili, gli ascensori non funzionanti o inarrivabili per le persone con disabilità: oggi l'accessibilità non riguarda solo il "gradino". Il servizio pubblico non è rispettoso dei diritti umani, non consente una cittadinanza piena ed inclusiva".  
Ci sono poche alternative quando si è costretti a fare i conti con la realtà di Vincenzo che accomuna non solo le persone con disabilità ma gli anziani, i genitori di bimbi piccoli e le loro famiglie. Una sorta di "detenzione domiciliare": "Bisogna necessariamente restringere il proprio cerchio di vita che si riduce al quartiere - continua Vincenzo - o ricorrere a mezzi privati, anche qui, per chi può permetterselo. Adattare un'automobile a diversi livelli di disabilità può arrivare a costare da 30mila a 100mila euro, oltre il costo della macchina. Le famiglie che si prendono cura di un soggetto fragile, si impoveriscono".

Le agevolazioni statali?
Una goccia nel mare.   Storie che si intrecciano anche nell'impegno di Vincenzo che, dal 2022, è presidente della Fish, Federazione italiana per il superamento dell'handicap [NdR: difetto di informazione del giornalista, dato che Falabella svolge questa sua vera e propria missione fin dal 2014, da ben 10 anni!] 
"La burocrazia amministrativa alza una ulteriore barriera e spesso si accompagna ad un sentire civile sbiadito". Un "sentire civile" spazzato via dai monopattini che dove vive Vincenzo, in Prati, bloccano il passaggio su marciapiedi già sufficientemente dissestati: "A volte non riesco ad entrare nel portone facendo slalom tra bici e monopattini elettrici in sharing...".
Deflagra la convivenza civile nelle auto e nelle moto posizionate davanti agli scivoli e nei contrassegni per disabili falsi: "Basta andare a Porta Portese o da qualche "amico dell'amico" per procurarsene uno - aggiunge Vincenzo -. Capita di trovarli tutti occupati, sotto casa mia si parcheggiano anche in quello in concessione. Se chiami i vigili, prima di un'ora non intervengono, sono sempre impegnati in un incidente. Ecco, forse, ci vorrebbe anche un maggiore controllo. Bisogna pianificare interventi e controlli, manutenzione: un montascale se non viene controllato prima o poi si rompe".
Se solo per prendere un caffè in via del Corso Vincenzo dal suo posto di lavoro, zona Parioli, può impiegare pure un'ora e mezza per arrivare in loco con i mezzi, andare in un ristorante, in quelli accessibili ovviamente, può diventare una vera impresa per una persona disabile che non può nemmeno andare in bagno: "Sono quasi tutti posizionati nei seminterrati".
Più semplice l'accesso alla cultura, a musei, cinema e teatri ("qui c'è stato un cambiamento culturale ed è stato fatto molto per l'accessibilità"), meno facile andare a vedere un film con l'auto bianca: "Detto che ci sono autisti che sono attenti e fanno eccezione, va detto che molti tassisti hanno timore di prendere persone con disabilità, alcuni fanno finta di non vederti, altri mi hanno detto che non erano stati avvisati che ero un disabile e sono andati via. Una volta mi sono state chieste 5 euro per il carico/scarico della carrozzina".
Veramente?
"Veramente".  

di Simona De Santis, estratto da Corriere della Sera del 07/01/2024

Trasmissioni RAI con audiodescrizione

Programmi RAI audiodescritti dal 25 febbraio al 2 marzo

Foto di un televisore acceso
Foto di un televisore acceso

Questo l'elenco delle trasmissioni con il servizio di audio descrizione in onda sulle reti RAI dal 25 febbraio al 2 marzo

25/02/2024

  • RAIUNO - ore 21.25
    MAKARI (1°Visione)
  • RAIDUE - ore 21.00
    9-1-1 (1°Visione)
  • RAIDUE - ore 21.50
    9-1-1 LONE STAR (1°Visione)
  • RAIPREMIUM - ore 09.40
    DON MATTEO 11 puntata 15,16,17,18,19,20
  • RAIPREMIUM - ore 00.00
    IL PARADISO DELLE SIGNORE DAILY 6 puntata 109,110,111,112,113
  • RAIMOVIE - ore 22.40
    AGENTE SEGRETO 117 AL SERVIZIO DELLA REPUBBLICA – MISSIONE RIO

Leggi tutto …

Numeri telefonici utili al tempo del coronavirus

TAMPONI IN FARMACIA A ROMA E NEL LAZIO. - L'ELENCO COMPLETO E GLI INDIRIZZI.

lo scorso 10 novembre 2020 è stato siglato l'accordo tra Regione Lazio e le associazioni di categoria dei farmacisti su dove è possibile effettuare test rapidi antigienici e test seriologici.
I test avranno un prezzo massimo di 20 euro per i seriologici e 22 euro per l'antigenico. Sono infatti oltre 100 le prime farmacie che hanno iniziato ad eseguire i test eseguendone ad oggi circa 3mila.

Leggi tutto …

Associazioni romane che consegnano spesa e farmaci a domicilio.

Ci auguriamo che non siano necessarie, ma il timore che Roma sia destinata a conoscere un'altra fase di confinamento esiste e allora è meglio essere preparati.

Leggi tutto …

Servizi e numeri utili ai tempi del coronavirus aggiornati al 17 maggio.

  • Numero di pubblica utilità  - Covid-19:
    1500
  • PROTEZIONE CIVILE VOLONTARIATO
    800 85 48 54
  • CROCE ROSSA ITALIANA
    800 06 55 10
  • SALA OPERATIVA SOCIALE
    800 44 00 22
  • supporto psicologico:
    800.833.833
  • EMERGENZA INFANZIA:  
    114

Servizio rivolto a tutti coloro che vogliono segnalare una situazione di pericolo e di emergenza in cui sono coinvolti bambini e adolescenti.

Leggi tutto …

Aiutarci a Milano:

un servizio di supporto per la distribuzione di spesa, pasti e alimenti per animali tramite un call center e una rete di volontari sul territorio.

02 23 05 82 79


Niguarda Rinasce:

fornisce supporto psicologico e informazioni mediche a tutti i cittadini anziani, soli, ammalati e disabili in zona Niguarda a Milano.

02. 80 89 86 45

Numeri operativi su tutto il territorio di Roma

CROCE ROSSA ITALIANA (per spesa o farmaci) 800 06 55 10
SALA OPERATIVA SOCIALE 800 44 00 22
CARITAS ROMA OPERATIVO TUTTO IL GIORNO 339 349 23 75
ACLI ROMA (SPESA E MEDICINALI PER OVER 70) 344 240 23 33
SUPPORTO PSICOLOGICO 342 07 20 415

Leggi tutto …

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.